domenica 3 novembre 2013

la perdita

quando non si poteva capire
toccarsi
rispondeva al criterio essenziale d'approdo

adesso
le genti sono disperse
logore
umani disumani ovunque


la domenica è meglio per  giungere
le riserve sulle nuove frontiere stanno alla messa o allo stadio e
altre ancora
lungo le vie del centro

domani saranno confusi o fusi al contesto osceno
parleranno storpio e tutto sarà normale

Giordan

7 commenti:

Costantino ha detto...

La testimonianza amara di un mondo che cambia.
In peggio.

Sari ha detto...

Anormalità che diviene normalità... che terribile ipotesi.
Sono tempi angosciosi questi e tu li hai ben trasmessi ai tuoi versi.
Ciao.

Elisena ha detto...

Sì Giordan .... la perdita è stata grande ...... abbiamo perso molto delle nostre cose di vita a partire proprio dai fondamenti dei sentimenti
Oggi non c'è viaggio che porti a quell'approdo che tu definisci "criterio essenziale"
Ben tornato giordan .....

giordan ha detto...

Ciao Costantino, è così purtroppo.
Spero sempre nella coscienza umana...

un abbraccio
giordan

giordan ha detto...

Ciao Sari,
grazie di cuore.
In effetti sono molto preoccupato per il nostro futuro

un abbraccio
giordan

giordan ha detto...

Carissima Elisena,
viviamo in un mondo sempre più cinico che non lascia spazio ai sentimenti, al giusto ritmo delal vita.
I nostri cuori sono scanditi da un rullio mortale che ci fa correre in continuazione.

Nessun obiettivo all'orizzonte se non l'allienazione.
Spero riusciamo ad invertire la rotta, ma dobbiamo farlo tutti o per lo meno essere in molti...

Un grande abbraccio
giordan

upupa ha detto...

...io spero sempre che l'uomo si riprenda la sua essenzialità ma forse sono una illusa...